martedì 29 dicembre 2015

Conosciamo il "Ciclo produttivo dell'olio d'oliva"

Montegridolfo è terra di ulivi. Questa pianta, originaria dell'oriente, è presente anche nello stemma comunale. L'autunno è la stagione della raccolta dei suoi frutti. Quale occasione migliore per far conoscere ai bimbi il ciclo produttivo dell'olio d'oliva e un'importante elemento paesaggistico e culturale del territorio?

A scuola

I bambini hanno osservato l'olivo e i suoi frutti da un punto di vista scientifico. Alcuni hanno commentato dicendo che "l'oliva non è un frutto"; di qui la spiegazione che sono frutti tutti i prodotti della natura che nascono dal fiore e contengono i semi. L'attenzione si è poi spostata sulle foglie... "sono d'argento!" - ha esclamato qualcuno - e sul concetto di sempreverde.
Sono stati i bambini a notare che l'ulivo non perde le sue foglie come gli alberi osservati in precedenza.

La raccolta delle olive

Raccolta col rastrellino
In una tiepida giornata di novembre la classe si è recata al campo del nonno di Mirko che aveva preparato i teli per la raccolta distesi sotto due piccoli ulivi a "misura di bambino".
Qui i bimbi, a mani nude o col rastrellino, hanno effettuato la raccolta delle olive.
Poi hanno osservato il signor Primo raccogliere ad un albero alto utilizzando l'abbacchiatore meccanico.



 
Il raccolto della mattinata

 

La spremitura: visita al frantoio di Montegridolfo

L'uscita didattica al frantoio ha consentito ai bambini di osservare da vicino le varie fasi dell'estrazione dell'olio dalle olive. Hanno inoltre riportato a scuola una lattina d'olio.


Olive pronte per la spremitura




La degustazione e le parole nuove

A scuola i bambini hanno assaggiato l'olio sul pane bruscato e si è parlato del suo utilizzo.
Questo progetto ha inoltre permesso di introdurre nuovi termini specifici: "bacchiare" le olive, frantoio, fiscoli, sansa, torchio...
Dato il forte interessi dei bambini per il mondo degli insetti le maestre hanno anche parlato della "mosca olearia", il pericolo più grande per le olive. Questo insetto infatti depone le sue uova, anche 200, nei frutti causando gravi danni.



La trasformazione: le olive marinate

I bambini sono successivamente usciti per andare al mercato locale ad acquistare dal fruttivendolo arance, limoni, aglio e il sale grosso al negozio di alimentari per preparare insieme le olive marinate che ciascuno ha riportato a casa a Natale.


Lavaggio degli agrumi

Preparazione degli ingredienti

Bucce di arancia, bucce di limone, aglio e finocchietto selvatico

Le olive messe a marinare

Nessun commento:

Posta un commento